venerdì 4 novembre 2016

Dorian Gray. La bellezza non ha pietà torna alla Fenice: tutte le info


"Dopo il grande successo dell’anteprima mondiale del 6 e 7 agosto scorso al teatro la Fenice, il teatro musicale Dorian Gray. La bellezza non ha pietà di Daniele Martini, ispirato al romanzo Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde e prodotto da Pierre Cardin, sarà di nuovo in scena il 20 novembre prossimo nel suo allestimento definitivo, prima di prodursi in una tournée internazionale dal gennaio 2017 che toccherà anche i principali teatri italiani.



La direzione artistica e le scene dello spettacolo sono firmate da Rodrigo Basilicati, la regia è di Wayne Fowkes e i costumi di Pierre Cardin. In questo nuovo allestimento, é entrato anche Emanuele Gamba alla regia, che ha inserito nuove caratteristiche alla regia originale di Fowkes. Interprete del leggendario personaggio romanzato da Wilde sarà Federico Marignetti, che sarà affiancato in scena da Thibault Servière. Completano il cast artistico Daniele Falangone che cura arrangiamenti e suono, la video designer Sara Caliumi e il light designer Paolo Bonapace.

Lo spettacolo racconta attraverso le parole e la musica la bellezza e le ossessioni di un’icona perfettamente attuale. La narrazione prende inizio nel momento in cui Dorian ha già compiuto trentotto anni ed è ormai un uomo maturo. Anche se il suo aspetto è immutato nel tempo, la sua anima, intrappolata nel dipinto che tiene nascosto da anni, porta segni mostruosi e inconfondibili di eventi inconfessabili. Ognuno di questi segni ha una storia, un’emozione, che Dorian rivive man mano che riflette sul vissuto, a cominciare dall’incontro con la propria bellezza.
In un’ora e mezzo circa, le quindici arie della partitura saranno incastonate in un flusso di recitazione e di intensi disegni di luce. L’azione scenica si svolgerà in un contesto scenografico astratto e solido, in sinergia con contributi video che trasportano l’azione scenica dalla prospettiva del protagonista a una dimensione fantastica.


DORIAN GRAY
La bellezza non ha pietà

produzione Pierre Cardin
interpreti Federico Marignetti e Thibault Servière
autore di testi e musiche Daniele Martini
direttore artistico e scene Rodrigo Basilicati
regia e allestimenti Wayne Fowkes e Emanuele Gamba
arrangiamenti e suono Daniele Falangone
video designer Sara Caliumi
light designer Paolo Bonapace
costumi Pierre Cardin

http://www.teatrolafenice.it 
http://www.facebook.com/LaFeniceufficiale https://twitter.com/TeatroLaFenice 

BIOGRAFIE


DANIELE MARTINI

Autore e compositore italiano nato a Padova, Daniele Martini ha maturato una ricca esperienza nella composizione e nel canto in vari campi: rock, band, canzone e colonna sonora. A seguito di tutte queste esperienze, ha deciso di dedicarsi completamente al canto e alla scrittura di opere musicali: il suo talento è presto scoperto dal produttore e mecenate francese Pierre Cardin. Nel 2009, Cardin ha prodotto il suo primo musical Casanova amori e inganni a Venezia che, dopo aver debuttato in prima mondiale in Piazza San Marco, diventa un successo in tutta Europa: degne di nota le esecuzioni al Gran Teatro del Cremlino a Mosca e all’Opera di Atene. Anche in questo caso prodotto da Pierre Cardin, nel 2013 Daniele Martini firma Amleto dramma musicale in qualità di autore, interprete, regista e co-produttore. Il suo terzo lavoro per il teatro musicale, di nuovo prodotto da Pierre Cardin, è Dorian Gray. La bellezza non ha pietà.



FEDERICO MARIGNETTI

Nato a Roma, Federico vive a Montepulciano, dove studia chitarra classica, acustica ed elettrica e si diploma al Liceo Classico. Nel 2009 viene ammesso alla BSMT di Bologna, dove si diploma nel settembre 2012. Nello stesso anno entra a far parte del cast di “Spring Awakening Italia” per la regia di “Emanuele Gamba” nel ruolo del protagonista “Melchior Gabor”, partecipando al tour 2013/2014 e 2014/2015. Da Marzo 2014 a Febbraio 2016 è il nuovo “Romeo” nell'opera popolare "Romeo e Giulietta Ama e cambia il mondo" per la regia di “Giuliano Peparini”, prodotto da “David Zard". Partecipa ai film “A Tourist /Lost in Florence” per la regia di “Evan Oppenheimer” nei panni di “Filippo” e “Assolo” per la regia di “Laura Morante”. Prende parte alle Fiction Rai “Un Passo dal Cielo3” per la regia di “Jan Michelini” e “Una Pallottola Nel Cuore2” per la regia di “Luca Manfredi”. Nel Settembre 2016 viene nominato al “Premio Persefone” come “Migliore Attore Protagonista” e vince il “Premio Persefone” come “Migliore Attore Emergente”. Nel 2016 debutta con il ruolo di protagonista in Dorian Gray. La bellezza non ha pietà.


THIBAULT SERVIÈRE

A soli dodici anni, Thibault fa i suoi primi passi come un trapezista solista nelle arti circensi, e da questa esperienza nasce l’innesco del suo amore per la scena. Dopo aver partecipato agli incontri nazionali del circo ad Amiens, è presente al Festival Circa e al Festival internazionale del circo di Domont.
Parallelamente all’attività in ambito circense, inizia presto a occuparsi di teatro, studiando al Conservatorio Francis Poulenc con Eric Jakobiac: questo incontro sarà determinante sia dal punto di vista artistico che umano per avviare i suoi primi progetti per la televisione e il teatro.
Successivamente incontra la performer Nadia Vadori-Gauthier, della quale frequenta il laboratorio coreografico. Questa esperienza gli permette di essere notato da Pierre Cardin, che lo sceglie per lo spettacolo Dorian Gray. La bellezza non ha pietà.


WAYNE FOWKES

Nato a Leeds, Gran Bretagna, Wayne Fowkes vive in Austria con la sua famiglia.
Ha iniziato la sua carriera come cantante e ballerino nel West End londinese, dove ha preso parte a diversi grandi spettacoli.
Il suo percorso professionale lo porta ad occuparsi di coreografia e di direzione artistica per, tra le altre cose, produzioni televisive in Gran Bretagna e in Europa. A 30 anni diventa direttore residente per Andrew Lloyd Webber. 
Nel 2000 diventa coordinatore artistico del grande evento londinese "il Millennium Dome".
Nello stesso anno diventa direttore artistico di Notre Dame de Paris, occupandosi anche delle produzioni nelle varie lingue.
Poco dopo, nel 2004, Wayne diventa direttore artistico del musical Don Juan.
Nel 2007 dirige la sua prima produzione, Butterflies, presentata a Pechino.
Nel 2011 Wayne dirige la sua più grande avventura ad oggi: Odysseo di Cavalia, attualmente ancora in tournée in Nord America.


EMANUELE GAMBA

Emanuele Gamba, attore e regista, appena ventenne comincia la sua formazione nella sua città natale e dal 1993 dirige la compagnia teatrale Ars Nova che ancora oggi rappresenta il suo prediletto laboratorio di studio e messa in prova.
Nel 1995 si laurea in Storia del Teatro all'Università degli Studi di Pisa con la tesi "Il giullare dal medioevo a Dario Fo" che segue come assistente e collaboratore negli anni 1994/1995; in questo stesso anno comincia a collaborare come attore e regista con Alberto Fassini, Franco Ripa di Meana, Marina Bianchi, Micha van Hoecke, Hugo De Ana, Jonathan Miller, Bob Wilson con i quali lavora nei maggiori teatri italiani.
Dopo il 1995 approfondisce la sua formazione di attore e regista con docenti del prestigioso Istituto Gitis di Mosca e della Guildhall School di Londra.
Dal 1997 collabora stabilmente con il regista Daniele Abbado a numerose produzioni liriche e di prosa italiane ed estere. Per dieci anni è direttore artistico dello Spazio Giovani Fuoricentro di Livorno, Centro per i Linguaggi dell'Arte e dello Spettacolo, ed è chiamato ad insegnare Arte scenica al Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia.
Approda poi al musical e la grande opera moderna I promessi sposi di Michele Guardì con il quale collabora alla regia del debutto milanese dello Stadio Meazza di San Siro.
Rimanendo nel genere, firma la regia di Across the universe, spettacolo liberamente ispirato al mondo musicale dei Beatles, ed in seguito Spring awakening (Prod. Todomodo Musicall) che è al suo secondo anno di tour nazionale nei maggiori teatri nazionali.
Firma numerose regie di prosa affrontando autori come Goldoni, Flaiano, Carroll, Ionesco, Cocteau, Omero, Kafka, Pasolini ma anche della lirica e del teatro musicale con Mascagni, Leoncavallo, Puccini, Favali, Riggi ed altri.