martedì 8 novembre 2016

IL ROMPIBALLE, al Teatro Martinitt dal 10 novembre, Max Pisu rompe che è un piacere.


Sul palco milanese, lo humor alla francese, diretto e spiazzante, di Francis Veber interpretato con divertimento da Max Pisu e Claudio Batta, volti noti della comicità italiana (e di Zelig), particolarmente frizzanti in coppia. Una situazione surreale che ruota attorno a un omicidio commissionato e un suicidio millantato. Un killer senza scrupoli e un marito con troppi scrupoli si incontrano e soprattutto scontrano nello stesso, affollato albergo. In scena dal 10 al 27 novembre.

Quello in locandina a novembre al Martinitt è in qualche modo uno spettacolo “inedito” del brillante Francis Verber. Nasce infatti dall’incrocio di due diverse stesure dell’autore –noto per diverse commedie tra cui La Cena dei Cretini- che però nella nuova versione inedita in Italia volutamente mantiene non solo i toni e i ritmi dell’humor francese, ma anche la tipica maschera di Pignon. Che sul nostro palco ha il volto di un disarmante Max Pisu, perfetto nelle vesti del piccolo uomo –presunto suicida- perso nei suoi piccoli problemi in cui coinvolge suo malgrado un “povero” sicario al lavoro, cui romperà le uova nel paniere e, fedele al titolo dell’opera, soprattutto… le balle! Una commedia veloce, incalzante che inanella carambole e imprevisti in un andirivieni di personaggi –facilitati dalla scenografia di Marco Rossi, che ha firmato gli ultimi spettacoli di Ronconi- fino ad arrivare (forse) al finale thriller.

IL ROMPIBALLE è una commedia di Francis Veber, diretta da Marco Rampoldi, con Max Pisu e Claudio Batta e con la partecipazione di Claudio Moneta, Stefania Pepe, Roberta Petrozzi e Giorgio Verduci. Produzione CaNoRa.
Camera con svista… Come sventare, inconsapevolmente, un omicidio. Un killer assoldato per far fuori un uomo politico prima che possa fare rivelazioni scomode è appostato alla finestra di una camera d’albergo, in attesa della sua vittima. Una situazione delicata, che richiede concentrazione… E allora cosa ci può essere di meno opportuno di un fotografo ‘rompiballe’ dalle tendenze suicide, alloggiato nella stanza accanto? Il rompiballe non rompe solo le balle: rompe le uova nel paniere, rompe gli schemi, rompe gli equilibri, rompe il silenzio e manda tutto all’aria. Le sue azioni maldestre provocano un andirivieni divertentissimo di mogli esasperate, amanti aggressivi, cameriere impiccione e poliziotti imbranati nelle due camere d’albergo, che si fanno teatro di un crescendo di comicità che diverte tutti, tranne il killer mancato. Una farsa moderna, ispirata al testo di Francis Veber -considerato il Neil Simon francese- e reinterpretata da Marco Rampoldi in una nuova, esilarante versione, inedita in Italia.

Info e prenotazioni:
TEATRO/CINEMA MARTINITT
Via Pitteri 58, Milano - Tel. 02 36.58.00.10 - Parcheggio gratuito.
Orario spettacoli giovedì-sabato ore 21, domenica ore 18. Il sabato anche alle 17.30.
Biglietteria: lunedì 17.30-20, dal martedì al sabato 10-20, domenica 14-20.
Ingresso: 22 euro, ridotto 16 euro. Abbonamenti a partire da 90 euro per 12 spettacoli.

Il Martinitt
Un giovane teatro dai grandi numeri (40.000 spettatori lo scorso anno e 2000 abbonamenti in 6 stagioni) che crede davvero nei nuovi talenti di casa nostra, tanto da riservare loro il suo palcoscenico in esclusiva e da aver indetto il concorso “Una Commedia in cerca d’autori”, dedicato ad autori tra i 18 e i 40 anni. Riflettori sempre puntati anche sulla danza. E ora c’è anche il cinema di quartiere!