domenica 25 gennaio 2015

Teatro Petrolini: Alma Latina e Pasquinate Moderne


Doppio appuntamento al teatro Petrolini di Roma, il 30, 31 gennaio e il 1 febbraio 2015, con la Compagnia L’Eco dei Sanpietrini, giovane e brillante realtà teatrale nata nel luglio del 2013 da un’idea di Lavinia Lalle e Sarah Mataloni.

Il 30 gennaio sarà in scena Pasquinate Moderne: dopo il successo del primo lavoro che omaggiava la città eterna dal titolo Roma: tra storie, passioni, vizi e canzoni, la compagnia ritorna sulle scene capitoline con un nuovo spettacolo dedicato alla “Roma di oggi e di quella che fu”. Il nome di questa nuova performance, è Pasquinate Moderne: la storia de ‘na volta, in fondo nun è mai morta. La formula dello spettacolo, ideato e scritto, come di consueto, da Sarah Mataloni e Lavinia Lalle, corre sul triplice binario della poesia, la musica e la prosa. La differenza con il precedente spettacolo è nella sua singolare struttura, che, nella sua prima rappresentazione al Caffè Mameli 27, ha visto l’integrazione di un concorso di poesia in vernacolo romanesco.

I testi del pubblico, selezionati dalla compagnia sono stati letti dalle attrici durante la serata come vere e proprie “pasquinate” e sono state premiate alla fine le più meritevoli al termine dello spettacolo. Le poesie del pubblico sono quindi parte integrante della rappresentazione,( rendendola un esempio di "rappresentazione partecipata")assieme ai testi originali delle due autrici, i brani di repertorio ed alcune canzoni popolari. Lo show, si avvale inoltre del prezioso apporto dell’attrice Gioia Cellentani e del M° Francesco Paniccia, brillante musicista più volte coinvolto negli spettacoli dell’”Eco”.

Il 31 gennaio e il 1 febbraio sarà la volta di Alma Latina, quarto spettacolo della compagnia. Si tratta di uno spettacolo ispirato alla tradizione spagnola, portato in scena con successo in teatri, piazze, in Calabria, Umbria e Lazio. Alma Latina, è una commedia frizzante dal sapore iberico che unisce recitazione, musica e danza. La solennità dei classici del teatro spagnolo e la spontaneità delle protagoniste si amalgamano per dare vita ad uno spettacolo capace di unire differenti anime. Protagonista indiscusso dello spettacolo è il flamenco: con la sua forza prorompente, l’energia di questa danza accompagna le ragazze nel loro percorso artistico e individuale, evidenziandone stati d’animo, emozioni e pensieri. Lavinia Lalle e Sarah Mataloni, autrici del testo, si muovono sul palco insieme all'attrice Martina Venanzi in armonia con le sinuose coreografie di Raffaella Martella e le musiche di Emanuele Parlati.