venerdì 2 novembre 2018

OBLIVION in "LA BIBBIA RIVEDUTA E SCORRETTA", il musical comico originale: tutte le info


Aprirà il tour nella città di Novellara (RE), e poi Bologna, Torino, Bergamo, Firenze, Roma, e tante altre!

Per la prima volta gli Oblivion si mettono alla prova – senza che nessuno glielo abbia chiesto – con un vero e proprio musical comico.

Un nuovo irresistibile show “Oblivionescamente” dissacrante che lascerà il pubblico senza fiato. Una Bibbia riveduta e scorretta.

La Bibbia riveduta e scorretta è uno spettacolo per tutti: è stato scritto per chi ha voglia di ridere, per chi ha voglia di porsi delle domande inutili e anche, perché no, per chi ha voglia di offendersi. Ciascuno avrà modo di soddisfare questi desideri in diversi momenti del musical.


Germania 1455, Johann Gutenberg introduce la stampa a caratteri mobili creando l’editoria e inaugurando di fatto l’Età Moderna. Conscio della portata rivoluzionaria di questa scoperta, Gutenberg sta per scegliere il primo titolo da stampare. Al culmine della sua ansia da prestazione bussa alla porta della prima stamperia della storia un Signore. Anzi, il Signore. È proprio Dio che da millenni aspettava questo momento.
Dio si presenta con un’autobiografia manu-scolpita di suo pugno su lastre di pietra e chiede a Gutenberg di pubblicarla con l’intento di diffonderla in tutte le case del mondo e diventare così il più grande scrittore della storia. Gutenberg, da bravo teutonico, è molto risoluto e sa bene cosa cerca il pubblico in un libro. Cercherà quindi di trasformare, con ogni mezzo possibile, quello che lui considera un insieme di storie scollegate e bizzarre in un vero e proprio best seller: La Bibbia.
Tra discussioni infinite, riscritture e un continuo braccio di ferro tra autore ed editore, nella tipografia prenderanno vita le vicende più incredibili dell’Antico e Nuovo Testamento, le parti scartate e tutta la Verità sulla Creazione del mondo, finalmente nella versione senza censure.
Per la prima volta gli Oblivion si mettono alla prova – senza che nessuno glielo abbia chiesto – con un vero e proprio musical comico. Un nuovo irresistibile show “Oblivionescamente” dissacrante che lascerà il pubblico senza fiato. Una Bibbia riveduta e scorretta.
L’eterna lotta tra Potere Divino e Quarto Potere sta per prendere forma.
Perché puoi essere anche Dio sceso in terra, ma se non hai un buon ufficio stampa non sei nessuno.

NOTE D’AUTORE di Davide Calabrese, Lorenzo Scuda e Fabio Vagnarelli

L’idea di raccontare come fossero andate le cose all’origine del mondo stuzzicava gli Oblivion da anni. Ad essere completamente onesti, stuzzicava solo la parte maschile del gruppo in quanto le due Oblivie, native della bassa reggiana, avevano in casa i quadri di Stalin a mo’ di santino.
Noi tre Oblivi, invece, da ragazzi abbiamo frequentato con gioia le file della milizia di Gesù: c'è chi dirigeva i sacri cori e guidava i boy scout tra i sentieri della fede, chi strutturava cammini di catechesi e chi sosteneva la comunità salesiana con animazioni all'insegna dell'essere piuttosto che dell'avere.
Era quindi giunto il momento di rispolverare l’essenza biblica e, abbracciata con entusiasmo la missione, ci siamo dedicati allo studio dei Testi Sacri per qualche mese. Ovviamente in modo approssimativo. Avremmo potuto studiarli per decenni e commettere comunque delle imprecisioni, quindi perché sforzarsi? E poi, perché farlo se nessuno sa veramente come sono andate le cose?
La Bibbia riveduta e scorretta è uno spettacolo per tutti: è stato scritto per chi ha voglia di ridere, per chi ha voglia di porsi delle domande inutili e anche, perché no, per chi ha voglia di offendersi. Ciascuno avrà modo di soddisfare questi desideri in diversi momenti del musical.
Una cosa però sia ben chiara: noi non abbiamo la pretesa di far cambiare prospettiva a nessuno, facciamo già fatica a cambiarci i calzini.

NOTE DI REGIA di Giorgio Gallione

Molto metodo e tanta follia. Ecco gli Oblivion.
Cinque straordinari “filosofi assurdisti”, cinque rigorosi fantasisti (“l’immaginazione è più importante della conoscenza”, insegna Einstein), cinque ricercatori teatrali che usano il Comico come esercizio di intelligenza critica, di irriverenza; un’arma radiografica, acuminata e gentile, per togliere polvere e noia dal palcoscenico. Cinque instancabili contaminatori, cinque sorridenti secchioni (per questa Bibbia “riveduta e scorretta” hanno studiato più di tanti seminaristi e teologi…), portatori sani di leggerezza (che non è futilità) e di rigore. Perché per rovesciare il senso occorre prima provare a capirlo.
Il teatro degli Oblivion è polifonico, meticcio, seriamente ridicolo, onnivoro, citazionista, ma sempre personalissimo. Sanno usare la leggerezza (che non è futilità…) come ricerca della precisione, della sintesi, dell’agilità, della rapidità di pensiero e azione teatrale. Essere loro complice in questo viaggio biblico è euforico e mai prevedibile. Significa provare a raccontare “la storia delle storie” entrando in un universo surreale, musicale e pittorico che, come tutti i veri creatori/creativi, cerca di mettere ordine nel Caos. In questo caso, da un bislacco Big Bang a un novello Jesus Christ Superstar rapper e alieno.

NOTE MUSICALI di Lorenzo Scuda

Scegliere di fare un musical originale, smettendo così di massacrare le canzoni degli altri è stata una scelta scellerata. Ma era giunto il momento di mettere sul tavolo anche noi i nostri pezzi, in modo che qualcuno potesse a sua volta massacrarli un giorno. È una questione di sportività.
La sfida è quella che il pubblico non senta la mancanza dei nostri centoni ma contiamo che siano troppo presi dall’indignazione per il vilipendio alla religione per accorgersi del cambiamento.
Detto ciò, ci siamo trovati a discutere che genere di Musical fare. Non trovando un accordo, abbiamo deciso di farli tutti. Complice anche il fatto che con le basi musicali puoi permetterti di avere sonorità che variano da Vivaldi ai Rammstein, abbiamo deciso di omaggiare tutto lo scibile della storia del Musical dagli anni 20 ad oggi.
Ogni scena ha un suo mondo musicale, un suo sound di riferimento. Citazioni e richiami a Cole Porter, Stephen Sondheim, Lloyd-Webber, al musical Hamilton, in un Trivial Pursuit completamente inutile in cui dare sfoggio di tutta la propria saccenza.
La produzione dei pezzi è stata mastodontica. Ventidue canzoni originali. Ghironde, Zampogne, Chitarre Heavy Metal, Groove Elettronici, Orchestra Sinfonica, Orchestra Barocca con Basso Continuo, Jazz Big Band, Campionamenti di frammenti di altri musical. Tutto pur di non lavorare.
L’obiettivo a breve termine ora è imparare a fingere di saper ballare.
L’obiettivo a medio termine è esportare lo spettacolo all’estero, mandare 5 ragazzini bravi in giro a farlo e noi 5 stare a casa a guardare i bonifici che arrivano.
L’obiettivo a lungo termine è andare in paradiso perché l’inferno sarà pieno di bigotti e sarà una noia mortale.


OBLIVION

Graziana Borciani, Davide Calabrese, Francesca Folloni, Lorenzo Scuda e Fabio Vagnarelli ovvero gli Oblivion, si incontrano nel 2003 a Bologna. Trascorrono anni intensi spesi nel teatro di rivista e nei musical, poi nel 2009 diventano notissimi al grande pubblico grazie al loro video su YouTube I Promessi Sposi in 10 minuti, micro-musical visto ed emulato da milioni di utenti. Da quel momento iniziano un lungo tour teatrale con lo spettacolo Oblivion Show per la regia di Gioele Dix: due stagioni di tour e oltre 200 repliche nei più importanti teatri e città italiane. Il teatro chiama poi la TV: debuttano sul piccolo schermo a “Parla con me” di Serena Dandini e segue poi l’invito nel cast di Zelig (prima serata Canale 5) nel 2011.
Migliaia di studenti impazziscono per le parodie culturali degli Oblivion diventate ormai parte del gergo giovanile: oltre a I Promessi Sposi in 10 minuti ci sono L’Inferno in 6 minuti e Pinocchio in 6 minuti. Nasce anche un libro con dvd dal titolo I Promessi Esplosi, (Pendragon 2011) tra il didattico e il comico: esperienza che confluisce in una serie di Lectio Dementialis nei più prestigiosi Licei ed Atenei d’Italia.
Nel 2011 debutta anche il nuovo show teatrale Oblivion Show 2.0. Il Sussidiario sempre con la regia di Gioele Dix.
Nell’ottobre 2012 esce il loro primo singolo Tutti quanti voglion fare yoga seguito da un divertentissimo video interattivo, mentre nell’aprile 2013 viene pubblicato il singolo e video di C’è bisogno di zebra.
Nell’agosto 2013 debutta sul palco del Ravello Festival Othello, la H è muta spettacolo nel quale demoliscono a colpi di grottesca ironia sia l'Othello di Shakespeare che l'Otello di Verdi in uno show con la consulenza registica di Giorgio Gallione che è stato rappresentato anche al Teatro Regio di Parma dopo una lunghissima tournée.
Nel 2014 gli artisti presentano Oblivion.zip, dove per la prima volta è previsto il coinvolgimento del pubblico con una scaletta a richiesta dei presenti.
Nel febbraio del 2015 debuttano sul web gli irresistibili mash-up del gruppo che ottengono milioni di visualizzazioni, in particolare Morandi VS Queen.
A dicembre 2015 sono ospiti di Panariello sotto l’albero in prima serata su RaiUno e a gennaio 2016 partecipano alla festa dei 40 anni del quotidiano La Repubblica dove presentano il nuovo singolo Evolution of Sanremo, un’incredibile carrellata delle 68 canzoni vincitrici del festival di Sanremo in soli 5 minuti.
Nel 2015 debutta Oblivion: The Human Jukebox, sempre con la consulenza registica di Giorgio Gallione, in scena per tre stagioni nei principali teatri italiani tra i quali il Teatro Sistina di Roma. In questo spettacolo gli Oblivion mettono tutto il meglio del loro linguaggio: esperimenti musicali folli e spettacolari e testi fortemente dissacranti dal potere comico debordante.
La presenza del gruppo su Internet è sempre massiccia con diverse serie di video che raccolgono milioni di click: dai video di Papale e Quale in cui si arrangiano i più famosi brani di Chiesa come fossero successi pop, a V per Venditti pillole di satira musicale sui cantanti italiani e stranieri più amati dal grande pubblico.

LA BIBBIA RIVEDUTA E SCORRETTA
produzione AGIDI

con Gli OBLIVION:
GRAZIANA BORCIANI
DAVIDE CALABRESE
FRANCESCA FOLLONI
LORENZO SCUDA
FABIO VAGNARELLI

testi DAVIDE CALABRESE, LORENZO SCUDA, FABIO VAGNARELLI
musiche LORENZO SCUDA

scene e costumi GUIDO FIORATO
luci ALDO MANTOVANI
coreografie FRANCESCA FOLLONI

regia GIORGIO GALLIONE

www.oblivion.it

https://www.facebook.com/pages/Oblivion - https://twitter.com/Oblivionshow
http://www.youtube.com/user/malguion - https://www.instagram.com/oblivionshow_official

LA TOURNÈE (calendario in aggiornamento)

17-18 novembre | NOVELLARA (RE) | Teatro della Rocca Franco Tagliavini
20-21 novembre | L’AQUILA | Ridotto del Teatro
22 novembre | FERRARA | Teatro Nuovo
23-24-25 novembre | BOLOGNA | Teatro delle Celebrazioni
27-28 novembre | MELZO (MI) | Teatro Trivulzio
29 novembre | ERBA (CO) | Teatro Excelsior
dal 30 novembre al 1 dicembre | TORINO | Teatro Colosseo
6 dicembre | MESTRE (VE) | Teatro Toniolo
7 dicembre | BELLUNO | Teatro Comunale
8-9 dicembre | LOVERE (BG) | Teatro Crystal
13 dicembre | CORMONS (GO) | Teatro Comunale
15 dicembre | ROCCABIANCA (PR) | Teatro di Arena del Sole
17 dicembre | GUBBIO (PG) | Teatro Comunale
19 dicembre | MIRANDOLA (MO) | Aula Magna Rita Levi Montalcini
20 dicembre | PAVULLO (MO) | Teatro Mac Mazzieri
dal 26 dicembre al 6 gennaio | ROMA | Teatro Quirino
17 gennaio | MEZZOLOMBARDO (TN) | Teatro san Pietro
18 gennaio | BOLZANO | Teatro Cristallo
19 gennaio | BERGAMO | Teatro Creberg
dal 23 al 27 gennaio | TRIESTE | Teatro Rossetti
1-2 febbraio | FIRENZE | Teatro Puccini
8 febbraio | LUGANO | Palazzo dei Congressi
9 febbraio | VERBANIA | Teatro Maggiore
15-16 febbraio | GENOVA | Teatro Politeama Genovese
19 febbraio | RIVA DEL GARDA (TN) | Sala dei Mille
20 febbraio | ALA (TN) | Teatro Comunale Sartori
21 febbraio | SAN DONATO MILANESE (MI) | Teatro Troisi
22 febbraio | SARONNO (VA) | Teatro Giuditta Pasta
23-24 febbraio | NOVARA | Teatro Coccia
2 marzo | TREVIGNANO (TN) | Teatro Comunale
9 marzo | PREDAIA (TN) | Teatro Comunale
13 marzo | SAVONA | Teatro Chiabrera
15 marzo | VIGNOLA (MO) | Teatro Fabbri
16-17 marzo | MODENA | Teatro Storchi
19 marzo | SPOLETO (PG) | Teatro Menotti
20 marzo | ARGENTA (FE) | Teatro dei Fluttuanti
21 marzo | COPPARO (FE) | Teatro De Micheli
22 marzo | MONTAGNANA (PD) | Teatro Bellini
23 marzo | SAN GIOVANNI PERSICETO (BO) | Teatro Fanin
24 marzo | CASARSA DELLA DELIZIA (PN) | Teatro Pasolini
26-27 marzo | MONFALCONE (GO) | Teatro Comunale
28 marzo | GEMONA DEL FRIULI (UD) | Teatro Sociale
29 marzo | CODROIPO (UD) | Teatro Benois De Cecco
30 marzo | MANIAGO (PN) | Teatro Verdi
31 marzo | LATISANA (UD) | Teatro Odeon