martedì 7 luglio 2015

Dirty Dancing a Cattolica l'8 agosto: Gabrio Gentilini per la prima volta nella sua terra


Dopo il debutto della nuova versione di  Dirty Dancing il 3 luglio al Barclays Teatro Nazionale di Milano, dove sarà in scena fino al 26, l’attore, cantante e ballerino Gabrio Gentilini, si prepara a sbarcare per la prima volta come protagonista nella sua terra di origine, la Romagna, con il ruolo maschile principale dello show, Johnny Castle. Dirty Dancing sarà infatti in scena sabato 8 agosto presso l’Arena della Regina di Cattolica, in una serata sotto le stelle che promette grandi emozioni.

Un vero e proprio ritorno a casa per Gabrio che, nato a Faenza, è cresciuto a Forlì e proprio qui ha mosso i primi passi nel teatro musicale con il gruppo teatrale QAOS e con i maestri di danza Serge Manguette e Noemi Briganti ( ph. Giacomo Ligi).


Lo spettacolo cha andrà in scena a Cattolica è quello che ha debuttato pochi giorni fa a Milano in una versione totalmente rinnovata rispetto a quella dello scorso inverno: nuova regia (di Federico Bellone), nuove coreografie (di Gillian Bruce) e nuove scenografie (di Roberto Comotti) e in cui la maggiore novità riguarda proprio Gabrio: nella celebre scena finale, il suo personaggio Johnny salterà in platea come faceva Patrick Swayze nel film cult del 1987, e lì ballerà con il resto del cast coinvolgendo il pubblico presente.

Lo spettacolo di Cattolica è stato presentato ieri, lunedì 6 luglio, presso il Municipio della cittadina alla presenza di stampa e autorità.

BIO GABRIO GENTILINI

Gabrio Gentilini è un attore, ballerino, cantante e perfomer: a soli 26 anni è uno dei protagonisti più affermati del teatro musicale in Italia.

Nasce a Faenza e cresce a Forlì; mentre gli altri bambini giocano con robot e macchinine, fin da piccolo Gabrio si diverte a cantare sulle sigle dei cartoni animati e a doppiare i film che passano in televisione. Alle scuole medie si appassiona e si dedica al ballo folk romagnolo e alle superiori decide di lasciare la pratica sportiva del basket e di dedicarsi a tempo pieno alo studio di danza e teatro. Durante il Liceo partecipa a varie Operette e mette in scena diverse rappresentazioni con il gruppo teatrale QAOS di Forlì, in un percorso di formazione fondamentale per acquisire esperienza del palcoscenico.

Finito il liceo vince una borsa di studio all’Accademia biennale professionale di musical MTS - Musical! The School di Milano, dove si trasferisce e si diploma nel 2009.

Iniziano le prime esperienze da professionista: è Hatley ne “Il Libro della Giungla” con le coreografie di Gillian Bruce, performer in “Sindrome da Musical” di Manuel Frattini, protagonista nel ruolo di Gerry nel musical “Energy Story” di Laura Ruocco.

Subito dopo arriva il primo vero contratto importante: Gabrio ottiene il ruolo di Edo ed è la cover di Sky (il giovane protagonista maschile) in Mamma Mia! con Chiara Noschese, in scena a Roma per Stage Entertainment.

A Mamma Mia! segue il primo ingaggio da protagonista assoluto: Gabrio vince il ruolo di Tony Manero ne “La Febbre del Sabato Sera” nella grande produzione Stage Entertainment in scena al Teatro Nazionale di Milano, il tempio italiano del musical. Un personaggio icona e nel cuore del pubblico a cui Gabrio si accosta con rispetto e dedizione rendendone un’interpretazione autentica ed emozionante.

Dopo la fine della Febbre del Sabato Sera, spinto dalla sua continua voglia di sperimentare e crescere, Gabrio si cimenta come cantante solista crooner nello spettacolo delle Sorelle Marinetti “La Famiglia Canterina”, con un repertorio musicale anni ’30-’40. Con le Sorelle Marinetti recita anche nella commedia musicale “Risate sotto le bombe”, dove ha il ruolo dell’aviatore Fred.

Gabrio entra poi tra i migliori performer del musical italiano in “The Best of Musical”, un grande concert show con la regia di Chiara Noschese che rende omaggio ai quattro maggiori spettacoli musicali di Stage Entertainment Italia (“La Febbre del Sabato Sera”, “La Bella e la Bestia”, “Sister Act” e “Mamma Mia!”) e ai loro grandi protagonisti, tra cui appunto Gabrio nella sua interpretazione di Tony Manero.

Nell’autunno 2014 un’altra importantissima scommessa vinta per Gabrio: ottiene il ruolo del protagonista Johnny Castle nel grandissimo successo della stagione teatrale, “Dirty Dancing”, in scena al Teatro Nazionale di Milano per quasi 3 mesi, con all’attivo un record di biglietti venduti e una ripresa dello spettacolo da luglio 2015. Un altro personaggio iconico che Gabrio ha saputo fare proprio e interpretare con freschezza e personalità.

Il 2015 segna una nuova ed inedita avventura per Gabrio, la prima esperienza televisiva. Gabrio è selezionato tra migliaia di candidati come uno dei 14 protagonisti del nuovo talent show di Rai Uno “Forte forte forte”, un format originale di Raffaella Carrà che si propone di trovare il prossimo grande showman della televisione italiana in grado di presentare, recitare, cantare e ballare. Gabrio si impone subito come uno dei personaggi più amati dello show dal grande pubblico che lo porta fino alla semifinale; il confronto con i tempi e le modalità del mezzo televisivo e i duetti con grandi artisti italiani e internazionali costituiscono un’esperienza molto significativa per la sua crescita professionale e personale.

Dopo l’esperienza di “Forte forte forte” la ripresa di “Dirty Dancing” in versione totalmente rinnovata porta Gabrio a calcare il palcoscenico del Barclays Teatro Nazionale di Milano dal 3 luglio e poi in tour il 6 agosto a Forte dei Marmi, l’8 agosto a Cattolica, il 10 agosto all’Arena di Verona e dal 13 novembre al Granteatro di Roma.