martedì 5 settembre 2017

MUSICA RIBELLE, a Milano al Teatro Nuovo - dal 29 settembre 2017


Sarà in scena dal 29 settembre 2017 al Teatro Nuovo di Milano “MUSICA RIBELLE – La Forza dell’Amore”, la nuova produzione di Todomodo e Bags Entertainment, che nasce come percorso ideativo e creativo intorno ad una scelta precisa: scrivere e realizzare uno spettacolo sulla musica, la testimonianza artistica e umana di Eugenio Finardi.

Musica Ribelle è uno spettacolo teatrale di chiara matrice rock, non solo per le sonorità che lo segnano ma, soprattutto, per l’attitudine, l’approccio, l’ispirazione, l’anima.
I brani di Eugenio Finardi sono eseguiti rigorosamente dal vivo tra sonorità che vanno da quelle rock-prog originarie degli anni ’70, a sconfinamenti d’n’b, techno, ma anche ballate e medley del primo decennio della carriera del più “ribelle” cantautore italiano. Da Dolce Italia a Patrizia, da Diesel a Un uomo, da Extraterrestre a La radio, e le immancabili La Forza dell’Amore e Musica Ribelle.

Musica Ribelle è un’opera che, per i suoi contenuti e per la sua forza evocativa, parla un linguaggio di verità e di autenticità, sia alle nuove generazioni sia al pubblico tradizionalmente legato al teatro di prosa. Uno spettacolo emozionante, schietto, crudo, eseguito da un cast di grandissimo talento e un gruppo di musicisti, anch’essi attori, che suonano dal vivo.
Il tutto in una cornice scenica essenziale ed efficace, in cui si inseriscono soluzioni di video grafica di commento alla drammaturgia.






DEBUTTA A MILANO IL TOUR DI “MUSICA RIBELLE”, L’OPERA ROCK CON MUSICHE DI EUGENIO FINARDI E LA REGIA DI EMANUELE GAMBA.

                Sarà in scena dal 29 settembre 2017 al Teatro Nuovo di Milano “MUSICA RIBELLE – La Forza dell’Amore”, la nuova produzione di Todomodo e Bags Entertainment, che nasce come percorso ideativo e creativo intorno ad una scelta precisa: scrivere e realizzare uno spettacolo sulla musica, la testimonianza artistica e umana di Eugenio Finardi.
                Il tour proseguirà poi a Firenze, Reggio Emilia, Roma e altre città italiane.

                Musica Ribelle è uno spettacolo teatrale di chiara matrice rock, non solo per le sonorità che lo segnano ma, soprattutto, per l’attitudine, l’approccio, l’ispirazione, l’anima.
                I brani di Eugenio Finardi, interamente riarrangiati da Emiliano Cecere e Alberto Carbone sotto la supervisione dello stesso autore, sono eseguiti rigorosamente dal vivo tra sonorità che vanno da quelle rock-prog originarie degli anni ’70, a sconfinamenti d’n’b, techno, ma anche ballate e medley del primo decennio della carriera del più “ribelle” cantautore italiano. Da Dolce Italia a Patrizia, da Diesel a Un uomo, da Extraterrestre a La radio, e le immancabili La Forza dell’Amore e Musica Ribelle.

                Musica Ribelle è un’opera che, per i suoi contenuti e per la sua forza evocativa, parla un linguaggio di verità e di autenticità, sia alle nuove generazioni sia al pubblico tradizionalmente legato al teatro di prosa. Uno spettacolo emozionante, schietto, crudo, eseguito da un cast di grandissimo talento e un gruppo di musicisti, anch’essi attori, che suonano dal vivo.
Il tutto in una cornice scenica essenziale ed efficace, in cui si inseriscono soluzioni di video grafica di commento alla drammaturgia.

                Dopo il grande successo di Todomodo con Spring Awakening, Musica Ribelle voleva essere un’opera dalla netta matrice rock, una storia che parlasse ancora a quelle migliaia di ragazzi che hanno seguito per oltre due anni le rappresentazioni in Italia di Spring Awakening e che lo hanno così tanto amato.
A fianco di Todomodo c’è BaGS Entertainment, nota per i tour italiani di CATS, Parsons Dance e soprattutto per la produzione di NEWSIES della Disney che, come Musica Ribelle, raccontava una storia di ragazzi pronti a ribellarsi e a combattere per affermare e difendere i propri diritti.
Musica Ribelle parla “a” e “di” loro, ma offre moltissimi spunti di riflessione anche alla generazione protagonista di quegli anni. Una storia che parla con loro, ma parla anche “di” loro, e delle generazioni più mature. Una storia di ragazzi e ragazze, di uomini e donne, di politica, di poesia, amore, vita, musica.


LA STORIA

Milano, oggi. Un vecchio scantinato da tempo in disuso viene affittato da una street gang di giovani rapper, graffittari, dj per preparare un rave notturno. Lo occuperanno solo per una settimana, un periodo troppo breve per non insospettire l’attempato proprietario della cantina, il signor Hugo. In realtà quello non è il suo vero nome, ma quello dato da Lara93, giovanissima leader della gang, anche lei “protetta” da nickname di circostanza. Tra i due nasce subito uno scontro fatto di schermaglie verbali, che nasconde però una profonda curiosità reciproca.

É la stessa cantina ma ora siamo nel ‘73, e quello è il covo di un collettivo politico, la sua sala prove, la sua stamperia, la sua radio libera.  Vento, un ragazzo ribelle, sempre “contro”, impegnato politicamente ma anche un po’ superficiale e sognatore cui l’ortodossia va stretta, è il leader di un collettivo giovanile immerso, come molti della sua generazione, nelle utopie e nelle contraddizioni degli anni settanta, decennio che la nostra storia attraversa per intero.

Le storie dei due protagonisti, corrono in parallelo. Sette anni per Vento e il suo collettivo, sette giorni per Lara93 e il suo mondo di dropouts ai margini del sistema.


NOTE DI REGIA

MUSICA RIBELLE è la mia prima creazione originale.
Lo spettacolo non esisteva prima del febbraio 2017.

Da circa quarant’anni esisteva il lavoro di Eugenio Finardi, la hit del suo secondo album “Sugo”. Oggi esiste anche questo spettacolo che a partire dal mondo poetico e musicale di Eugenio racconta una storia giovanile piena di passione, forza e amore.

Ho sempre pensato che la creazione di questo specifico racconto per il palcoscenico presentasse dei livelli di complessità molto alti: due epoche da raccontare, sette anni e sette giorni, un unico spazio scenico, un cast impegnato in doppi ruoli, la musica dal vivo con band da integrare nella fabula, la volontà di muovere i corpi con un linguaggio fisico inedito per il nostro teatro musicale, un immaginario video da far vibrare con la musica.

Una complessità che alle volte è sembrata insormontabile ma che poco alla volta si è rivelata lo strumento necessario e ineludibile per raccontare la complessità della vita e delle relazioni di dieci giovani, uomini e donne in lotta per la determinazione di un futuro degno di essere vissuto.

E se come ci indicavano i tragici greci, la catarsi è l’obiettivo finale del rito del teatro, tanta complessità alla fine si è sciolta anche per noi in una verità semplice, una verità dello spettacolo, una verità in cui credo io: che in ogni epoca e ad ogni latitudine uomini e donne abbiano un bisogno pressoché unico, il bisogno di curare paure e debolezze con  quella che Eugenio chiamò “la forza dell’amore”.

Emanuele Gamba
 



Recensioni
anteprime di Livorno e Pontedera - febbraio 2017

“I sogni spezzati di due generazioni di ventenni a confronto: quella degli anni Settanta, in velluto a coste e zoccoli su cui marciava l’utopia della radio libera che sfociò nella lotta armata e nell’eroina, e quella dei ragazzi di oggi, rappresentata da una band di rapper, graffitari, dj, hacker che rincorrono nei rave uno stordimento chimico-esperienziale. Entrambe le generazioni si muovono in simbiosi in Musica Ribelle, la forza dell’amore opera rock che appartiene alla deriva strong dei nuovi musical italiani. Produzioni che non vogliono intrattenere ma far riflettere lo spettatore precipitandolo in un purgatorio urbano, oscuro e tossico… Nella Milano di Finardi sfilano i morti mitizzati dalla generazione degli anni Settanta, da Demetrio Stratos, frontman dei Ribelli e degli Area, al giornalista e attivista siciliano Peppino Impastato.
Il momento clou dello spettacolo arriva come un pugno: le due overdose in parallelo di una ragazza di oggi, impasticcata da un amico che la stupra, e del protagonista Vento che si inietta eroina. I piani temporali si intersecano come vasi comunicanti di un’omologa sostanza umana, si susseguono circolarmente, fino a saldarsi in un momento di confronto brutale…”
Valeria Crippa – Corriere della Sera – 5 marzo 2017


“… Un excursus su quegli anni che, dopo essersi lanciati in alto dal trampolino del '68, sono poi precipitati giù fino alla fine del secolo portandosi dietro la disillusione di chi aveva sperato in un nuovo modo di stare al mondo. Molto bravi i giovani attori che ci raccontano questa caduta libera. Bella la scena e funzionale rispetto alla struttura a due fasi dello spettacolo.
Come dicevo sempre bellissima la musica di Finardi, trattata con rispetto pur avvalendosi di nuovi arrangiamenti molto efficaci nel valorizzare il Pathos di alcuni momenti della storia…”

Barbara Codevico  – Il Tirreno – 14 febbraio 2017


due generazioni a confronto




FEDERICO MARIGNETTI
è VENTO

Federico Marignetti nasce a Roma, vive a Montepulciano, dove studia presso “Istituto di Musica H. W. Henze” e si diploma al Liceo Classico “A. Poliziano”.
Nel 2012 si diploma alla “Bernstein School of Musical Theater” di Shawna Farrell ed entra nel cast di “Spring Awakening” regia di Emanuele Gamba nel ruolo del protagonista Melchior Gabor.
Nel 2014 è Romeo in "Romeo e Giulietta" regia di Giuliano Peparini, prodotto da David Zard.
Nel 2016 è Vento in “Musica Ribelle” regia di Emanuele Gamba e Dorian Gray in “Dorian
Gray” al Teatro la Fenice di Venezia, prodotto da Pierre Cardin, regia di Wayne Fowkes/Emanuele Gamba.
Partecipa ai film “Lost in Florence” regia di Evan Oppenheimer nei panni di Filippo e “Assolo” per la regia di Laura Morante.
E’ candidato al “Premio Persefone 2016” come “Miglior Attore Protagonista” e Vince il “Premio Persefone 2016” come “Migliore Attore
Emergente”.

MASSIMO OLCESE
è HUGO

Diplomato alla scuola del Teatro Stabile di Genova nel 1981, oltre a moltissime produzioni cinematografiche e televisive, è a teatro con
- LA BOCCA DEL LUPO di A. Bagnasco, L. Bruni, G. D’Agata Regia di Marco Sciaccaluga, Teatro Stabile di Genova;
- E LEI PER CONQUISTAR SI SOTTOMETTE di C. Goldsmith Regia di Marco Sciaccaluga. Teatro Stabile di Genova;
- L’OROLOGIO AMERICANO di A. Miller, Regia di Elio Petri. Teatro Stabile di Genova;
- LE CASACCIE di E. Bonaccorsi e C. Repetti, Regia di Giorgio Gallione. Teatro Stabile di Genova
- PERICLE PRINCIPE DI TIRO di W. Shakespeare, Regia di William Gaskill. Teatro Stabile di Genova;
- BARBARI di B. Keefee. Regia di Sandro Baldacci, Ente Decentramento Culturale di Genova;
- LA COMMEDIA DA DUE LIRE di P. Rossi, G. Solari, R. Piferi e gli attori Regia di Giampiero Solari. Produzione Backstage;
- IL VIAGGIO DELL’UOMO CHE CERCAVA di J.P. Denizon e P. Carrere Regia di Jean Paul Denizon. Produzione A.I.A;
- PICCOLI MOSTRI di R. Mahieu, Regia di Ennio Coltorti. Produzione Teatro dell’Orologio;
- A PIEDI NUDI NEL PARCO di N. Simon Regia di Ennio Coltorti. Produzione Plexus;
- BRANCALEONE di G. Solari, A. Antonaros, Regia di Giampiero Solari. Produzione Teatro stabile delle Marche;
- JOHN E JOE di Agota Kristof, Regia di Pietro Faiella. Prod. Olcese e Margiotta e Faiella;
- TOMBOLA di Giuseppe Gandini Regia di Giuseppe Gandini;
- LA CAMERA di Calcagno, Manforte, Olcese, liberamente tratto da ‘La camera azzurra’ di G. Simenon, regia di L. Calcagno e M. Olcese

CON FEDERICO MARIGNETTI/MASSIMO OLCESE/ARIANNA BATTILANA/MIMOSA CAMPIRONI

MUSICHE DI EUGENIO FINARDI

DRAMMATURGIA DI FRANCESCO NICCOLINI
SU SOGGETTO DI PIETRO CONTORNO

REGIA DI EMANUELE GAMBA
DIREZIONE MUSICALE: Stefano Brondi

CAST: Alessandro Baldi, Gabriel Glorioso, Errico Liguori, Marta Paganelli, Filippo Paglino, Albachiara Porcelli, Benedetta Rustici, Luca Viola
BAND: Maximilian Agostini, Filippo Bertipaglia, Andrea Mandelli (studenti del CPM Music Institute), Francesco Inverno

COORDINAMENTO MUSICALE: Raffaele Commone
ASSISTENTE ALLA REGIA: Alessia Cespuglio
ARRANGIAMENTI MUSICALI: Emiliano Cecere e Valerio Carboni per TM s.r.l.
ARRANGIAMENTI VOCALI: Stefano Brondi
AZIONI COREOGRAFICHE: Chelo Zoppi/ASSISTENTE: Asia Pucci
VISUAL: Raffaele Commone e Paolo Signorini
SCENE: Massimo Troncanetti
COSTUMI E COMPLEMENTI DI SCENA: Blender Soluzioni Creative
DISEGNO LUCI: Marco Giusti
DISEGNO AUDIO: William Geroli
DIRETTORE DI PRODUZIONE: Alessandro Baldi
DIREZIONE ALLESTIMENTO: Lucio Mazzoli
GRAFICA E COMUNICAZIONE: Raffaele Commone
DIREZIONE ARTISTICA: Pietro Contorno
SCENOTECNICA: Mekane
CONSULENZA COMUNICAZIONE: Synpress44
FOTO DI SCENA: Andreana Ferri - BOOM srl

PRODUZIONE ESECUTIVA: BaGS Entertainment
BOOKING – Matteo Mantovanelli / BaGS Entertainment
COMUNICAZIONE E MARKETING – Silvia Cavaletti / BaGS Entertainment
UFFICIO STAMPA – Cristina Atzori / BaGS Entertainment
BaGS Entertainment è parte del Gruppo WEC (World Entertainment Company Spa).
Si ringrazia per la collaborazione e i servizi artistici: CPM Music Institute

Si ringrazia: Emidio Bosco per gli oggetti di scena - Studio Barbone & Tassone, Teatro il Grattacielo,
Teatro Nazionale della Toscana, Fondazione Teatro Goldoni – Livorno.

Coordinamento swing a cura di MTS - Musical the School di Simone Nardini




Piazza San Babila 3 – MILANO

Informazioni: Tel. 02.794026 - info@teatronuovo.it





dal 29 settembre all’8 ottobre 2017

ore 20.45 - domenica ore 15.30

sabato 30 settembre doppio spettacolo – ore 15.30 e ore 20.45



Settore GIALLO € 34,50 + diritto di prevendita

Settore BLU € 30,00 + diritto di prevendita

Settore VERDE € 25,80 + diritto di prevendita



Previste riduzioni per gli under 26, over 65 e gruppi.



BOTTEGHINO TEATRO:

Piazza San Babila

Dal lunedì al sabato dalle ore 10:00 alle 19:00

La domenica dalle 14:00 alle 17:00

la biglietteria riapre un’ora prima dell’inizio degli spettacoli

Tel. 02.794026 - prenotazioni@teatronuovo.it

Prevendite:

CIRCUITO DI PREVENDITA TICKETONE

In rete e in tutti i punti vendita Ticketone

www.ticketone.it

* Pronto Pagine Gialle - 89.24.24

Attivo 24 ore su 24


* Trovatutto di Telecom Italia - 89.24.12

(attivo 24 ore su 24)


COMPRA ONLINE


WWW.HAPPYTICKET.IT

WWW.TICKETONE.IT

WWW.BIGLIETTOVELOCE.IT

WWW.BOOKINGSHOW.IT