mercoledì 26 settembre 2018

MTM Manifatture Teatrali Milanesi, prossimi debutti: HORS (Teatro LItta, 28 settembre )


 HORS è il primo festival di teatro indipendente milanese che si pone l'obiettivo di investire concretamente su compagnie under 35 del territorio. Oltre ad offrire uno spazio per mostrare i propri lavori a pubblico e operatori di settore, Hors accompagnerà i giovani artisti in un percorso produttivo di creazione e contaminazione.


Pensiamo che l’arricchimento artistico e professionale passi attraverso lo scambio, non solo di esperienze e visioni, ma anche di conoscenze tecniche specifiche. Il Teatro Litta oltre a essere il luogo che ospiterà le compagnie durante il festival, vuole diventare un vero e proprio spazio creativo per dare alla luce uno spettacolo originale frutto della collaborazione degli artisti selezionati.

In tempi in cui è sempre più difficile trovare un sostegno produttivo ci piacerebbe innescare un circolo virtuoso che metta in gioco competenze diverse per un fine comune. Il debutto della nuova creazione è previsto in occasione del festival successivo, ad apertura della stagione 19/20 di MTM.


Siamo spinti dal desiderio di narrare il presente attraverso gli occhi e i corpi della nuova generazione creativa. Siamo convinti che dall'incontro tra queste professionalità possano nascere modelli artistici e organizzativi innovativi che tengano conto del vitale rapporto con gli spettatori.

Coltiveremo un pubblico che non sia di passaggio ma che possa prendere a cuore il percorso delle compagnie per poi seguirle nei passi successivi. Questo avverrà anche grazie alla collaborazione con la redazione di Strategemmi Prospettive Teatrali che propone un osservatorio critico pensato specificamente per HORS.

Una vera e propria “officina critica” che ha come obiettivo primario la formazione dello spettatore e la sua educazione alla visione, attraverso la scrittura, l’attività redazionale e l’elaborazione di nuove forme di narrazione per la scena.

I curatori artistici del progetto di questa edizione sono, Stefano Cordella e Filippo Renda.

Nei giorni del festival oltre agli spettacoli ci saranno anche laboratori, eventi, incontri, spazi espositivi e una gran serata finale per festeggiare il Teatro del Presente e inaugurare la nuova stagione teatrale di MTM.

Curatori artistici

Stefano Cordella nasce a Desio (MB) nel gennaio 1985. Dopo la laurea specialistica in Psicologia si diploma come attore all'Accademia dei Filodrammatici di Milano. Dal 2013 è ideatore e regista della Compagnia Oyes con la quale vince diversi riconoscimenti e partecipa a importanti festival nazionali. Dirige gli spettacoli Va Tutto Bene, Vania, Io non sono un gabbiano, Lo soffia il cielo, Erotica Linea Gotica. Collabora alla drammaturgia di C'è un diritto dell'uomo alla codardia, produzione Teatro I. E' assistente alla regia di Rifici, Bruni, Frongia, Fornasari. Viene diretto da Fornasari, Emiliani, Però, Oliva, Trifirò. Continua la sua formazione con Donnellan, Calamaro, Rifici, Serra. Vince il Festival Internazionale di Regia Fantasio 2015. Dal 2014 è codirettore artistico del Teatro di Nova Milanese.

Filippo Renda è assistente di Luca Ronconi subito dopo essersi diplomato alla Scuola del Piccolo Teatro di Milano; in seguito lavora con B. Fornasari, R. Rustioni, F. Frongia, E. De Capitani e F. Bruni. Ma soprattutto cura spettacoli di sua ideazione, toccando festival come Primavera dei Teatri, Castel dei Mondi e Colline Torinesi e prodotto da realtà come il Teatro della Tosse, il Teatro delle Donne, o il Teatro CTB di Brescia. Nel 2016 comincia un percorso shakespeariano con Il Mercante di Venezia, prodotto da Elsinor Teatro Fontana di Milano. A giugno 2018, sempre con Elsinor, metterà in scena il Sogno di una notte di mezza estate. Con la sua compagnia Idiot Savant ha messo in scena nove produzioni: tra queste "La famosa invasione degli orsi in Sicilia", già selezionato dal Festival Segnali, si è aggiudicato il premio Piccoli Palchi di ERT - Udine.


INSTALLAZIONI
Dal 28 al 30 settembre
Sala Foyer, ingresso libero (da venerdì ore 18 - domenica ore 21.00)
Installazioni di Anselmo Luisi
SBADABENG
Ovvero l’arte di prendersi a schiaffi

Compare ogni tanto; sul palco, nel foyer o davanti alla biglietteria. Un uomo, da solo. Nessun oggetto, nessuno strumento se non il proprio corpo. Un viaggio a cavallo tra musica e teatro che farà scoprire situazioni sonore inaspettate passando per il canto, il mimo e la percussione corporea.
La performance / spettacolo consiste in una serie di brevi episodi che partono da un pretesto musicale – quello di fare musica utilizzando solo il corpo – ma che si evolvono con contaminazioni di mimo e di teatro comico. Un attacco allergico di tosse diventa una performance di beatbox; una scena di mimo di una signora che si lamenta con il cameriere al ristorante diventa un duetto di scat e di grammelot ritmico; un uomo che si pulisce la camicia dalla sporcizia diventa una performance di body percussion che trascinerà il pubblico a sperimentare sulla propria pelle cosa significa percuotersi per generare suono. Una performance che vi farà letteralmente prendere a schiaffi.


Dal 5 al 7 ottobre
Sala Foyer, ingresso libero (venerdì ore 18.30 - domenica ore 21.00)
Installazioni di GIanluca Agostini
SE MI VUOI BENE, UCCIDIMI
Installazioni audio/interattiva

Nel 2015 mio padre, per la prima volta nella mia vita, mi porta allo stadio. Dopo anni di latitanza, riabbraccio in soli 90 minuti la mia fede calcistica. Anni di snobismo, di “11 miliardari che corrono dietro un pallone”, si volatilizzano di fronte ai 40 metri di corsa che portano Miroslav Klose al gol. Piango. Sono nel Tempio del Calcio, lo Stadio Olimpico di Roma, e il Dio del Calcio mi ha rivoluto a sé. Quest’anno mio padre se ne va. Ha fatto in tempo a lasciarmi tante cose. Spero di meritarmele. L’ultima che mi ha lasciato è stata questa. Per attitudine e deformazione professionale mi ritrovo oggi a vivere un doppio ruolo: quello di tifoso e quello di osservatore del tifo. Il calcio, che solo in ultima istanza è rappresentato da quegli undici miliardari che corrono dietro un pallone, è allegoria, metafora e sublimazione di dinamiche umane e sociali. Il calcio vive di una sua epica. E, come ogni epica, il suo campo d’azione è un tempo che è per sua natura antitesi del tempo storico: il tempo del mito. Il tempo del mito ha una qualità differente. E i suoi “eroi”, pur nel successo, sono quasi sempre accomunati da un destino tragico. Il calcio è un rito e ogni volta rifonda se stesso.
Ci sono eroi che travalicano addirittura le regole del mito stesso cui appartengono. Uno di questi, Roberto Baggio. Sento il bisogno di indagare il nostro rapporto con questo tempo. E disannodare alcuni fili male intrecciati nell’inconscio collettivo, segno di una relazione spirituale irrisolta che da circa 15 anni è causa e sintomo di una crisi che il calcio italiano, insieme alla società italiana tutta, vive.Il calcio come metafora, allegoria, sublimazione. Roberto Baggio è l’emblema di qualcosa che non c’è più e di cui allo stesso tempo sembriamo impossibilitati a liberarci. Roberto Baggio, la cosa più bella che abbia mai calcato i campi da gioco italiani, è simbolo di qualcosa che forse è andata storta.
A volte si fa sin troppa fatica a celebrare un funerale.















CALENDARIO


HORS – TEATRO LITTA
dal 28 al 30 settembre 2018
Compagnia La Lucina
Sonosarò
drammaturgia Valeria Angelozzi - Guido Mannucci - Riccardo Novaria - Miriam Podgornik
regia Valeria Angelozzi - Guido Mannucci - Riccardo Novaria

dal 5 al 7 ottobre 2018
La Ballata dei Lenna
Il paradiso degli idioti
con Nicola Di Chio, Paola Di Mitri, Miriam Selima Fieno, Francesco Marilungo


HORS – LA CAVALLERIZZA
dal 28 al 30 settembre 2018
Aronica/Barra
The ridere
con Salvatore Aronica, Stefano Barra


dal 5 al 7 ottobre 2018
Diapason
Nemici per la pelle
con Tano Mongelli, Ludovico Fededegni, Alessandro Bay Rossi, Gianpaolo Pasqualino


GLI SPETTACOLI

dal 28 al 30 settembre - 2018
Teatro Litta
Produzione MTM Manifatture Teatrali Milanesi
Compagnia LA LUCINA
SONOSARO’

con Silvia Napoletano - attrice, Miriam Podgornik - attrice, Riccardo Novaria - danzatore, Lucia Mauri danzatrice, Alice Argilli – danzatrice
testi Antonia Moresco
drammaturgia Guido Mannucci, Riccardo Novaria,
regia Valeria Angelozzi, Guido Mannucci, Riccardo Novaria, Miriam Podgornik
coreografo Riccardo Novaria
musiche originali e consulenza visiva Guido Mannucci
coreografo Riccardo Novaria

Durata spettacolo: 75 minuti

Il progetto teatrale Sonosarò mette in scena gli interrogativi esistenziali che vincolano l’uomo alla sua ineluttabile condizione transitoria attraverso una narrazione paratattica e discontinua. Frammenti di storie, fuggevoli apparizioni di personaggi, figure/limite raccontano le proprie solitudini con lo spaesamento di chi continua a sentirsi inadeguato di fronte ad un cambiamento tanto radicale della realtà contemporanea. Rispetto a questo passaggio d’epoca in cui i lineamenti dell’umano sembrano deteriorarsi fino ad un’inesorabile dissoluzione, Sonosarò si chiede quale tipo di umanità stiamo creando, a quale nuova specie stiamo dando vita.

venerdì e domenica ore 21:00 – sabato ore 19:30
Biglietti: Intero 10€ - doppio spettacolo 15€ (The ridere + Sonosarò)


dal 5 al 7 ottobre - 2018
Teatro Litta
Produzione MTM Manifatture Teatrali Milanesi
La Ballata dei Lenna
IL PARADISO DEGLI IDIOTI
con Nicola Di Chio, Paola Di Mitri, Miriam Selima Fieno, Francesco Napoli
Scene e luci Eleonora Diana, Lucia Diana
Costumi Valentina Menegatti
Tecnico Matteo Catalano
Drammaturgia e regia Paola Di Mitri

Durata spettacolo: 70 minuti

Il paradiso degli idioti è uno spettacolo sull’eredità dei padri. E’ il risultato di una nostra personale riflessione su di un tempo che pare stenti a cedere il passo al nuovo. Ma anche il tentativo di mettere assieme i chiaroscuri di una generazione, quella dei trentenni, che molto spesso appare inerme, e della quale si dice che porti avanti le proprie ragioni con armi troppo spuntate e poco incisive. Il mondo consegnato ad Andrea e a Sonia è un mondo di plastica gonfiato di conservanti, nutrito di false illusioni, dove è difficile scegliere quando gli occhi restano puntati su un paradiso di vacue promesse. Si rimane così, relegati in un’azione/non azione dove la precarietà, la non stabilizzazione, finisce per convenire, si finisce per scappare, restare, allontanarsi, poi ritornare senza essere mai troppo chiari sulle scelte intraprese. In questo preciso punto, che si fa vivo e dolorante, noi paghiamo le colpe dei nostri padri, vissuti in un’epoca di opposizione felice e straziante, di ottimismo e energia centrifuga, vissuti a bagno di un desiderio di vita bruciante che adesso sembra in noi completamente spento.

venerdì e domenica ore 21:00 – sabato ore 19:30
biglietti: Intero 10€ - doppio spettacolo 15€ (Il paradiso degli idioti + Nemici per la pelle)


dal 28 al 30 settembre 2018
La Cavallerizza
Produzione MTM Manifatture Teatrali Milanesi
Aronica/Barra
THE RIDERE
con Salvatore Aronica, Stefano Barra Daniele Turconi

durata spettacolo: 55 minuti

Un giorno, girovagando tra i video di YouTube, ho trovato un’intervista fatta a Nino Formicola, Gaspare, al funerale di Andrea Brambilla, Zuzzurro. Diceva: “Da oggi Gaspare e Zuzzurro non ci sono più, punto.” In quel momento ho realizzato quanto potesse essere straziante e spiazzante, per qualcuno che ha lavorato per tutta una vita in coppia, rimanere solo. Ho proposto a Stefano, amico e collega, di lavorare su questo tema e da lì siamo partiti. Per un periodo di lavoro abbiamo solo fatto improvvisazioni o sperimentato idee avute al di fuori dello spazio di lavoro, salvando quello che ci sembrava più giusto. Abbiamo cercato di metterci nei panni di una coppia comica, provando a sovrapporre la nostra relazione artistica e di profonda amicizia alla loro. Poi abbiamo cominciato a ragionare con una visione più ampia e a fare ricerche su altre coppie comiche, scoprendo una faccia della medaglia che spesso non appare agli occhi del pubblico; una parte della storia, spesso celata, che racconta di litigi, invidie e separazioni. Ci siamo accorti di una cosa apparentemente banale, ma non scontata: in una coppia, qualsiasi, arriva un punto in cui o ci si divide o uno dei due muore. Sempre. Ma cosa succede dopo? Abbiamo cominciato a scrivere, cercando di rovesciare le nostre ricerche, la nostra amicizia e le nostre ambizioni in una struttura drammaturgica tra l’onirico e il reale attuale. Una dimensione in cui due amici, dopo tante ore passate davanti alla TV a guardare in loop, sketch dopo sketch fino ad impararne a memoria le battute, si ritrovano catapultatici dentro, schiavi dei loro sogni, fantasticando una carriera insieme fino al successo tanto sperato, dal primo provino fino alla morte di uno dei due. Una volta ottenuto abbastanza materiale, nel nostro team creativo è subentrato Daniele Turconi, svolgendo il ruolo di occhio esterno, permettendoci di affinare registicamente, drammaturgicamente e scenotecnicamente quello che avevamo creato.

venerdì e domenica 19:30 – sabato ore 21:00
biglietti: Intero 10€ - doppio spettacolo 15€ (The ridere + Sonosarò)


dal 5 al 7 ottobre 2018
La Cavallerizza
Produzione MTM Manifatture Teatrali Milanesi
Diapason
NEMICI PER LA PELLE
con Tano Mongelli, Ludovico D’Agostino, Alessandro Bay Rossi, Gianpaolo Pasqualino – social media manager Serena Giudici
costumista Giovanna Mazzola
videomaker Marco Foti

durata spettacolo: 60 minuti

Paolo, Peppe e due fratelli Fede e Marco amici uniti dal sogno di emergere con la loro band, finiscono per precipitare in un abisso di morte e disperazione. L’uccisione di uno dei componenti e la voglia di vendicarsi dei suoi amici, modificherà le loro vite in maniera irreversibile. L’arrivo della morte, che piano piano diventerà strumento del loro “pane quotidiano”, sbiadisce le anime dei protagonisti ormai prigioniere del loro destino. Cosa sareste se vi privassero della cosa che amate di più? Questa è la domanda che attraversa dall’inizio alla fine “Nemici per la Pelle”. Cosa rimarrebbe dell’essere umano se lo spogliassimo di ciò che lo spinge ogni mattina a lottare, contro la prigione della vita quotidiana per avere la sua ora d’aria?


venerdì e domenica 19:30 – sabato ore 21:00
Biglietti: Intero 10€ - doppio spettacolo 15€ (Il paradiso degli idioti + Nemici per la pelle)









INFORMAZIONI

MTM Teatro Litta
Corso Magenta, 24

Biglietti: Intero 10€ – doppio spettacolo 15€
Abbonamento: Arcobaleno – 6al Litta - UNI 4al Litta – UNI 4al Leonardo – Carta Regalo – CONTENUTI ZERO VARIETA’ - Abbonamenti liberi a partire da €40.


BIGLIETTERIA MTM
02. 86 45 45 45 - biglietteria@mtmteatro.it
Prenotazioni e prevendita da lunedì a sabato dalle 15:00 alle 20:00

Biglietti e abbonamenti sono acquistabili sul sito www.mtmteatro.it e sul sito e punti vendita
vivaticket.it. I biglietti prenotati vanno ritirati nei giorni precedenti negli orari di prevendita e la domenica a partire da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.