martedì 10 dicembre 2013

Erik e il suo mare: spettacolo di beneficienza scritto e diretto da Samantha Bellaria


Oggi vi parlo di un progetto, nato da un'idea di Stefano Martini, il quale qualche anno fa ha perso la moglie a causa di un tumore.

Stefano ha due figli, Tommaso di 8 e Federico di 6.

Al più piccolino hanno diagnosticato lo stesso  tumore della madre, cosicchè ha dovuto iniziare a fare chemio.

Un'associazione di clown dottori che si chiama T'IMMAGINI ha così deciso di fare la terapia di clown, direttamente a casa senza chiedere dei soldi o dei rimborsi evitando a Stefano di portare sempre i bambini in ospedale.

Ogni sera, dopo la morte della moglie, Stefano legge ai bambini un libro che si chiama Eric che perse il mare.

Adesso ha deciso di mettere in scena questa storia e raccogliere fondi necessari all'associazione per ampliare questa azione di terapia seguita a casa.

Samantha Bellaria (performer alla prima scrittura e regia teatrale) ha scritto lo spettacolo e ne ho curato la regia.


La storia parla di un Draghetto (ERIK) che nasce dalla sabbia. Vive i primi anni della sua vita in compagnia del mare che ogni volta arriva e se ne va.

Ma un giorno il mare decide di non tornare più indietro...così Eric deve rialzarsi e decidere di lottare contro la depressione e l'abbandono.

Nel corso della storia incontra un fiore e un cane, che lo aiuteranno a superare le sue difficoltà e a riaquistare fiducia nella sua vita ricominciando a vedere quante cose belle possiede.

Mi dice Samantha: "Il messaggio che voglio lanciare è quello della rinascita, della riscoperta. Non dobbiamo mai arrenderci perché anche nelle situazioni più  ifficili troviamo la forza per andare avanti. "L'inverno si trasforma sempre in primavera!".

Aggiunge la regista: "Per dare forza alle persone che lo guardano e ai bambini (affetti dalla stessa
malattia di Federico), abbiamo deciso di far recitare sia Tommaso (ERIK) che Federico (IL FIORE), mentre Stefano è la voce narrante.

Il nostro obbiettivo è quello di portarlo nei reparti per incoraggiare chi è meno fortunato e nelle scuole per far capire a TUTTI che ce la possiamo fare! di non perdere mai la speranza.

In scena, anche FABRIZIO SCUDERI, mentre le coreografie sono di AURORA PICA (che interpreta il mare), con la sua compagnia le SAKUNTALA (impegnate sempre in progetti di beneficenza).

Unica data 16 dicembre 2013 Teatro Petrolini (Roma), ore 21.00
evento di beneficenza.



Nessun commento:

Posta un commento