giovedì 16 aprile 2015

BELCANTO, The Luciano Pavarotti Haritage, uno spettacolo italiano a Parigi


Arriva a Parigi (dopo il successo di Spoleto, Bologna e New York), dal 2 maggio al Théâtre des Variétés, Belcanto, uno spettacolo di teatro musicale tutto italiano prodotto per Ars Lab Italy da Luigi Caiola, che celebra la tradizione artistica musicale più conosciuta al mondo, attraverso un viaggio che parte dalle origini del Belcanto nel Rinascimento, passando per Giuseppe Verdi, Giacomo Puccini e la canzone Napoletana fino ad arrivare ai giorni nostri.

Lo spettacolo, che celebra l'Italia e il suo patrimonio artistico immortale, realizzato in collaborazione con la Fondazione Luciano Pavarotti, nasce dal connubio di personalità orgogliosamente italiane che da decenni operano con grande successo in ambito internazionale.

I CREATORI
Luigi Caiola, ideatore e produttore che in oltre 30 anni di attività ha prodotto e distribuito in tutto il mondo circa 1.000 spettacoli e oltre 40 progetti audio/video, tra cui il tour mondiale e la produzione di tre cd con Eugenio Bennato dedicati al progetto Taranta Power. Da 17 anni collabora stabilmente con il Maestro Ennio Morricone, del quale ha prodotto e distribuito in tutto il mondo oltre 200 concerti e i più recenti progetti discografici. Come produttore discografico ha ricevuto due dischi d'oro, un disco di platino e un Grammy Award.

Franco Dragone, direttore artistico dello spettacolo, è il fondatore e direttore artistico della compagnia di creazione Dragone. Oggi è uno dei direttori artistici più ambiti al mondo, celebre per aver reinventato un nuovo genere negli anni ’80 e ’90 grazie ad una miscela perfetta tra veri talenti umani e la danza, i quattro elementi della vita, le coreografie, la tecnologia e la musica. Gli spettacoli che ha creato nei suoi primi anni di carriera hanno cambiato per sempre l’aspetto dell’intrattenimento dal vivo a Las Vegas. Negli anni ’80 entra nel nascente Cirque du Soleil ricoprendo un ruolo fondamentale nella loro ascesa mondiale e firmando i loro maggiori successi come Direttore Creativo. In dodici anni firma almeno dieci show come ad esempio Saltimbanco e Alegria. Tra gli spettacoli più importanti prodotti dalla compagnia Dragone degli ultimi quindici anni si possono ricordare: Celine Dion A new Day; The Dream (Las Vegas); The House of Dancing Waters and Taboo (Macau); Aida (Napoli); The Han Show (Wuhan, Cina); Paris Merveilles ( Lido, Parigi).
Gianfranco Covino, il regista, collaboratore di Franco Dragone fin dai tempi del Cirque du Soleil, fondatore della Compagnia Barbiana a Mons, Belgio; regista e produttore di molti spettacoli tra cui Rêve de Sable, Théâtre de l'Orion; Ne me regarde pas comme ça, Cie du Campus, Compagnie Barbiana; Faut pas rêver, Zététique Théâtre;  Xénophobia, Théâtre de l’Ancre; Cross the line, Productions du Dragons 2009, evento per Cutty Sark Spain; Portraits vidéos théâtralisés, Compagnie Barbiana 2013. Ha inoltre svolto un'intensa attività di actor training sulla commedia dell’arte in Belgio, Francia, e Marocco, per il Cirque du Soleil e per Productions du Dragon.

Vittorio Biagi, il coreografo, è considerato "il rappresentante più valido e geniale della nuova espressione coreutica italiana". A 18 anni viene scritturato da Maurice Béjart nel Ballet du XXe siècle (Bruxelles) dove rimarrà dal 1959 al 1966. Nel 1967-68 è danseur étoile all'Opéra di Parigi, dove balla Schiaccianoci. Nel 1969 si trasferisce a Lione, dove crea il Ballet de Lyon, che dirige per sette anni. Le sue più importanti coreografie di questi anni sono: Pulsazione, Settima sinfonia di Beethoven, Romeo e Giulietta, Alexander Niewsky. Rientrato in Italia, nel 1977 fonda l'Aterballetto, e nel 1978 la Compagnia Danza Prospettiva.

LO SPETTACOLO

Belcanto non è un concerto ma uno spettacolo di teatro musicale che rende omaggio ad uno stile vocale della tradizione artistica italiana che ormai appartiene a tutto il mondo. Lo spettacolo ripercorre, attraverso 6 diversi quadri tematici, le tappe salienti che hanno segnato la storia del “bel canto” italiano:
1) Le origini, dal Rinascimento al Barocco
2) l'Opera Buffa del '700
3) Giuseppe Verdi
4) Giacomo Puccini
5) La Canzone Napoletana
6) Il belcanto nel mondo
Il pubblico teatrale si troverà così ad essere condotto in un viaggio immaginario che prende le mosse dalla Firenze di Lorenzo De' Medici e la Venezia di Claudio Monteverdi, per arrivare alla Londra di Freddie Mercury e dei Queen, passando attraverso i grandi compositori del repertorio operistico, l'operetta austriaca e francese, il musical angloamericano, fino al pop e al rock.
Questo viaggio avverrà attraverso l'esecuzione di singole arie, brani brevi ma intensissimi di pathos e bellezza immortali, che risiedono nella memoria collettiva del pubblico di tutto il mondo, a volte anche in maniera inconsapevole.

I cantanti, richiameranno queste indimenticabili melodie dalla memoria del pubblico per riportarle a nuova vita anche grazie ad arrangiamenti contemporanei ma fortemente rispettosi delle orchestrazioni originali.
Tutto concorre, quindi, a far sì che Belcanto rappresenti per il pubblico l'occasione per vivere un'esperienza intensa ed emozionate, immergendosi in un'autentica rappresentazione della creatività artistica italiana più amata nel mondo.

Subito dopo l’estate lo spettacolo andrà in tournée in Europa, e nel corso del 2016 toccherà gli Stati Uniti l’Australia, la Cina, la Corea e il Giappone.

Citando una bella frase di un recente film di Roberto Faenza, Belcanto rappresenta "un viaggio nel passato con un solo bagaglio: il futuro".



I PROTAGONISTI

I "traghettatori" di Belcanto, i protagonisti assoluti dello spettacolo, sono dodici giovani cantanti (4 soprano, 2 mezzo-soprano, 4 tenori, 2 baritoni), che con la freschezza della loro età, ma anche con la padronanza tecnica e l'esperienza scenica acquisita, sono la testimonianza vivente di quanto un'espressione artistica che viene da un tempo lontano possa ancora oggi essere capace di interpretare e comunicare le emozioni e le passioni dell'umanità.
L'obiettivo dello spettacolo è proprio questo: riaffermare il valore universale e contemporaneo del “bel canto” attraverso l'esibizione di cantanti che vivono appieno il loro essere giovani del nostro tempo.
I cantanti di Belcanto sono stati selezionati in collaborazione con la Fondazione Luciano Pavarotti, la cui finalità è appunto quella di valorizzare i giovani artisti che intendano dedicarsi allo studio e alla pratica di questo specifico stile vocale, nobilitato e diffuso in tutto il mondo anche grazie alla straordinaria esperienza artistica del Maestro Luciano Pavarotti.
Ad accompagnarli rigorosamente dal vivo un gruppo di otto musicisti diretti da Pasquale Menchise, un corpo di ballo composto da sei elementi e due sbandieratori.

CANTANTI

Soprano: Sarah Baratta, Sara Cappellini Maggiore, Alessandra Della Croce, Elisa Maffi, Ellen Teufel;

Mezzo Soprano: Lucia Branda, Antonella Carpenito

Tenore: Matteo Desole, Riccardo Gatto, Michele Silvestri, Stefano Tanzillo

Baritono: Daniele Antonangeli, Andrea Zaupa

MUSICISTI

Flauto: Elena Borlizzi

Fagotto: Luciano Corona

Clarinetto: Fabrizio Miglietta

Tastiera/Pianoforte: Andrea Bauleo

Tastiera: Gianluigi Farina

Pianoforte: Paolo Andreoli

Basso Eletrico/Chitarre: Nanni  Civitenga

Digital Drum: Luca  Masotti


DIRETTORE D’ORCHESTRA e CORO

Pasquale Menchise


BALLERINI

Noemi, Capuano, Viola Cecchini, Lucia Cinquegrana, Giulia Fedeli, Sebastiano Meli, Francesca Schipani;


SBANDIERATORI

Lorenzo  Caiola, Andrea Masini