lunedì 24 ottobre 2016

GIOVANNI NUTI, “A CASA DI ALDA”: L’1 NOVEMBRE a MILANO


Nel settimo anniversario della scomparsa di ALDA MERINI (avvenuta il giorno di Ognissanti del 2009), GIOVANNI NUTI sarà protagonista di un evento speciale l’1 novembre presso la Casa delle Arti-Spazio Alda Merini di MILANO (Via Magolfa 32 - ore 22,15): ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Giovanni Nuti incontrerà gli amici e il pubblico per una serata di musica, poesie, ricordi in una location che raccoglie molte suppellettili e memorabilia della “storica” casa di Alda Merini di Ripa di Porta Ticinese 47: dal pianoforte alla macchina per scrivere, dal suo letto (“zattera che corre verso l’infinito”) alla riproduzione del “muro degli angeli”, la parete su cui la poetessa appuntava numeri telefonici, nomi, disegni. Giovanni Nuti presenterà il suo “canzoniere” accompagnato da alcuni musicisti-amici (Simone Rossetti Bazzaro, violino; Josè Orlando Luciano, pianoforte; Alberto Melgrati, oboe; Michel Behare, chitarra; Emiliano Oreste Cava, percussioni) e racconterà episodi del suo “matrimonio artistico” con la poetessa dei Navigli, come la Merini era solita chiamare il loro lungo e intenso sodalizio, durato dal 1993 al 2009.

Nella serata ci sarà spazio per altri ricordi: alle ore 21, prima di Giovanni Nuti, la testimonianza di un altro amico di vecchia data di Alda Merini: Alberto Casiraghy, lo stampatore-editore-artista che, per i tipi della sua casa editrice “Pulcinoelefante”, stampò oltre 1.000 piccoli libri con le poesie e gli aforismi della poetessa, spesso da lui stesso illustrati. E poi reading di poesie di Alda Merini, racconti, aforismi, pensieri e parole
in libertà a cura de LA CASA DELLE ARTISTE.

GIOVANNI NUTI è un musicista e cantante toscano, di Viareggio, ma milanese di adozione. Ha all’attivo otto album e ha collaborato con Enrico Ruggeri, Roberto Vecchioni, Lucio Dalla, Mango, Enzo Avitabile, Milva, Dario Gay, Marco Ferradini e Simone Cristicchi. Nel 1993 incontra Alda Merini e dalla loro collaborazione durata sedici anni – che Merini definiva «matrimonio artistico» – sono nati numerosi spettacoli che li vedono protagonisti insieme sul palcoscenico e quattro cd: Milva canta Merini (2004), ritorno discografico della “Rossa”, di cui Giovanni Nuti firma tutte le musiche; Poema della croce, una moderna opera sacra rappresentata anche nel Duomo di Milano; Rasoi di seta, con ventuno liriche della poetessa milanese musicate dal cantautore, tra cui Poeti, duetto con Simone Cristicchi; Una piccola ape furibonda, con otto testi inediti di Merini, pubblicato il 21 giugno 2010. Nel 2012 esce Una pequeña abeja enfurecida in cui Giovanni Nuti canta Alda Merini in spagnolo con la partecipazione straordinaria di Lucia Bosé che ha curato le versioni in castigliano di tutte le poesie-canzoni. A dicembre 2014 viene pubblicata la composizione di Giovanni Nuti, “Cantico delle creature”, suite di 11 brani per pianoforte eseguiti dalla pianista Elena Papeschi. Ispirata dalle laudi di San Francesco – da fratello Sole a sora nostra Morte corporale – e dedicata "a Papa Francesco promessa e speranza di una Chiesa povera e cristiana”. Attualmente Giovanni Nuti è impegnato nel nuovo spettacolo Mentre rubavo la vita. Al suo fianco, ad interpretare il “canzoniere” meriniano, Monica Guerritore, nella veste inedita di cantante.

Milano, 23 ottobre 2016

Per informazioni: Paolo Recalcati (info@sagapomusic.com – tel. 339.1796489)