Quotidiano online. Autorizzazione del Tribunale di Milano n. 249 del 21/11/2019

mercoledì 22 gennaio 2014

Musical Awards: precisazione pagamento Priscilla


Riporto questo comunicato stampa, che mi arriva dall'Ufficio Stampa dei Musical Awards, in risposta alle polemiche sul pagamento degli artisti innescato da Loretta Goggi e riportato da diverse testate, tra cui TGCOM.

Se ne sta parlando sia sulla stampa che sui social.

Io stessa ero presente e garantisco che la signora Goggi ha citato espressamente Gypsy: in sala, il pubblico si è alzato in piedi, probabilmente (e giustamente) in rapporto a questa consuetudine del non pagare (o saldare dopo mesi/anni) che purtroppo è sempre più diffusa (non per tutte le Produzioni, per fortuna).

Di questa malsana attiitudine, se ne parla sempre più diffusamente,  anche grazie alla campagna #coglioneNo, che sta circolando ora sui media (e che riguarda tutti i lavori artistici, giornalismo compreso).

Nella prossima pagina, quindi, la risposta degli interessati.
PRECISAZIONE SUL PAGAMENTO DEL CAST DI PRISCILLA.

A seguito delle polemiche circa i mancati pagamenti da parte della produzione di
Priscilla, l’attuale cast desidera informare stampa e pubblico di essere stato tutto
regolarmente saldato già prima della sollevazione di questa questione.

E’ da rettificare quindi la frase nel nostro precedente CS: -“Anche noi dobbiamo
essere pagati, il produttore è lo stesso”, denunciano gli artisti di PRISCILLA-. Essa
non deve essere attribuita a nessuno dell’attuale cast, ma presumibilmente solo ad
alcuni singoli artisti e/o creativi del vecchio cast di questo spettacolo o di altri, di
questa produzione o di altre.


2 commenti:

  1. Ah beh a Priscilla sono stati pagati. Si intende forse, per esclusione, che è confermato invece che Loretta Goggi non sia stata davvero pagata, così come membri, seppur singoli, di vecchi cast, rispetto ai nuovi?
    Io lo trovo di una strana ironia ma non capisco la portata di questa precisazione. Si fa per parlare comunque. Io sono comunque fuori da questioni del genere.
    Grazie per la condivisione. Soprattutto per il riferimento all'importante campagna:#coglioneNo, sulla dilagante piaga di non pagare, sottopagare o pagare con troppo ritardo le categorie artistiche, creative e giornalistiche.

    RispondiElimina
  2. Io invece sono uno di quei "singoli" che, su un'altra produzione dello stesso produttore, non è ancora stato pagato.....parliamo di un tour iniziato e terminato nei primi 3 mesi del 2012......uno, due o dieci persone non cambiano la sostanza del fatto che un produttore che non paga, rimanga una persona poco affidabile!

    RispondiElimina